Países

Global flag icon
Global
Albania flag icon
Albania
Brazil flag icon
Brazil
Chile flag icon
Chile
Croatia flag icon
Croatia
Finland flag icon
Finland
France flag icon
France
Germany flag icon
Germany
India flag icon
India
Ireland flag icon
Ireland
Italy flag icon
Italy
Netherlands flag icon
Netherlands
Norway flag icon
Norway
Peru flag icon
Peru
Poland flag icon
Poland
Portugal flag icon
Portugal
Spain flag icon
Spain
Sweden flag icon
Sweden
Türkiye flag icon
Türkiye
United Kingdom flag icon
United Kingdom
United States flag icon
United States

Statkraft, il più grande produttore di rinnovabili d’Europa, presenta il suo nuovo “Low Emissions Scenario”

31 ott, 2023
  • Nonostante l'aumento dei disordini e scontri a livello geopolitico, la crescita delle energie rinnovabili rimane forte, non si fermerà e non invertirà rotta
  • Il costo dell'energia eolica e solare, delle batterie e dei veicoli elettrici è diminuito in modo significativo nell'ultimo decennio
  • La sicurezza energetica è una priorità assoluta nell'agenda internazionale, con conseguente aumento della spinta politica per le energie rinnovabili 

 

Milano-Oslo, 31 ottobre 2023 – Statkraft, il più grande produttore europeo di energia
rinnovabile e presente in 21 paesi a livello globale, ha pubblicato il suo rapporto annuale Low Emissions Scenario, che analizza i driver e gli impatti della transizione energetica globale fino al 2050. Lo scenario, sviluppato dagli oltre 50 esperti e analisti di Statkraft, presuppone che i mercati, le politiche e lo sviluppo tecnologico continuino a guidare la transizione verso l'energia pulita a livello globale. Le emissioni legate all'energia nel Low Emissions Scenario sono coerenti con i percorsi di emissione che limitano il riscaldamento globale a poco meno di 2 °C.


Il rapporto fornisce preziose informazioni per i responsabili politici, gli investitori, le imprese e i consumatori desiderosi di comprendere le opportunità e le sfide di un futuro a basse emissioni di carbonio.


I principali risultati del report sono i seguenti:

  • Le emissioni legate all'energia secondo il Low Emissions Scenario diminuiranno del 69% entro il 2050 rispetto ai livelli odierni e seguiranno un percorso che limita il riscaldamento globale al di sotto dei 2 °C, rappresentando un ritmo un po' più veloce e profondo di quanto previsto nel  rapporto dello scorso anno.
  • Nel report viene evidenziato come a livello globale l'energia solare risulti essere l’energia principale. I costi dell'energia eolica e solare, delle batterie e dei veicoli elettrici sono diminuiti in modo significativo nell'ultimo decennio, rendendo le tecnologie pulite economicamente attraenti rispetto alle controparti fossili.
  • Le recenti turbolenze di mercato e l'aumento delle tensioni geopolitiche hanno
    posto la sicurezza energetica in cima all'agenda internazionale, determinando una maggiore spinta politica per le energie rinnovabili e l'efficienza energetica. Nel Low Emissions Scenario, il solare crescerà di 22 volte mentre l'eolico crescerà di 12 volte fino al 2050, rispetto ai livelli odierni.
  • L'eolico e il solare efficienti in termini di costi sostituiscono i combustibili fossili in tutti e tre gli scenari proposti nel report, e anche nello scenario meno ottimistico, l'eolico e il solare crescono sostanzialmente verso il 2050 rispetto ai livelli odierni.
  • L'Europa è all'avanguardia dal punto di vista climatico in tutti gli scenari, ma per raggiungere gli obiettivi di emissione a breve termine è necessario l'accesso ai componenti critici della catena di approvvigionamento pulita e la collaborazione regionale.

Il rapporto riconosce anche che ci sono incertezze e rischi che potrebbero ritardare la transizione o renderla più costosa. Il rapporto presenta quindi per la prima volta due ulteriori scenari, esplorando come le tensioni geopolitiche e le rivalità regionali potrebbero influenzare il ritmo e la portata della transizione energetica.

Lo scenario della rivalità tra tecnologie pulite presuppone che le potenze globali come gli Stati Uniti, l'UE e la Cina si impegnino in una competizione protezionistica e basata su incentivi nei confronti delle catene di approvvigionamento dell'energia pulita. Lo scenario di transizione ritardata presuppone che sfide imminenti come l'inflazione elevata e il costo della vita, la sicurezza nazionale e i disordini sociali portino a una maggiore miopia e a una riduzione dell'azione per il clima.


"È importante essere consapevoli delle scelte che facciamo oggi e di come influenzeranno la transizione energetica. Gli impatti negativi delle controversie e dei ritardi sono elevati. La collaborazione e il commercio globali sono elementi chiave per una transizione energetica efficace in termini di costi e di successo", ha affermato Rynning-Tonnesen, CEO di Statkraft.


Per Bernardo Ricci Armani, Country manager per l’Italia, “Statkraft anche in Italia sta investendo molto nell'espansione della capacità di generazione rinnovabile e nella fornitura di energia pulita ai clienti industriali. Il nostro rapporto Low Emissions Scenario è una guida per interpretare il futuro e far progredire la conoscenza sugli scenari energetici globali e continentali”

Leggi il rapporto completo.

Contatti

Chiara De Bellis
Communications Manager Italy